NUOVA FASE DI CONCERTAZIONE

loghi

A TUTTI I SINDACI

AI DIRETTORI DEI DISTRETTI SANITARI

 Crediamo fermamente che non si possa non cogliere il valore politico intrinseco e per lo spirito che lo ha animato e per gli obiettivi che si intendono perseguire, del confronto avviato tra Assessorato Regionale per la famiglia, le politiche sociali ed il lavoro, l’ANCI e le OO. SS. Confederali e di Categoria dei pensionati CGIL, CISL, UIL, che in data 12 marzo 2015 hanno sottoscritto un PROTOCOLLO D’INTESA, i cui contenuti di merito sulle politiche del welfare in Sicilia e la metodologia proposta sulla “governance” : tavolo di concertazione permanente a livello regionale e dei singoli Distretti socio – sanitari, nell’ottica anche della loro integrazione e sinergia con i Distretti sanitari.

 In data 30 marzo 2015 l’Assessorato Regionale per la famiglia, le politiche sociali e per il lavoro ha emanato un decreto che approva e recepisce per intero tutti i contenuti del Protocollo d’intesa con l’ANCI e le OOSS.

Viene offerta una cornice di  riferimento ad ogni forza – istituzione che ha fortemente voluto questo strumento nel segno della trasparenza (pensiamo ai bilanci sociali dei Comuni), della responsabilità, della partecipazione, della condivisione e del contributo fattivo sul terreno dell’analisi dei bisogni, della programmazione, delle proposte e della verifica e controllo dei risultati attesi.

Il nostro pensiero non può non andare a tutte le risorse finanziarie  che provengono anche dai fondi europei (ultimo programma 2014/2020) che vanno pienamente utilizzate, ma non può non andare il nostro pensiero anche a questa fase politico – amministrativa che, purtroppo, è contraddistinta da tagli ai trasferimenti ai Comuni.

Le nostre comunità, le nostre famiglie sono un micro cosmo a rischio esplosione perché in esse si assommano tante debolezze, sofferenze, criticità, fragilità, esclusione, povertà e solitudine.

Nei nostri sette Distretti socio – sanitari, in questi anni si è inaugurata, a fasi alterne, con luci ed ombre, una stagione di un modello di governance: ci riferiamo ai Gruppi piano di cui alla legge 328 che vedono o dovrebbero vedere la presenza di Rappresentanti dei singoli Comuni, del Distretto sanitario e dell’insieme del Partenariato sociale e non mondo della scuola e degli  Enti terzi), che vanno, indubbiamente rilanciati per assolvere pienamente alle funzioni che le Linee guida Assessoriali assegnano Loro.

E farlo riqualificando, potenziando, investendo di più e meglio sul modello organizzativo di sistema degli uffici preposti (servizi sociali professionali) oggi in sofferenza per una serie di ragioni sulle quali sarebbe auspicabile una discussione approfondita, realtà per realtà.

Per tutte queste ragioni riteniamo che si possa e si debba pervenire ad incontri con i Comitati dei Sindaci dei singoli Distretti socio – sanitari coinvolgendo anche i Direttori dei Distretti sanitari, per indicare insieme il percorso che si intende  inaugurare per avviare questa nuova stagione di concertazione.

Perché non pensare a delle Conferenze di servizio distrettuali per informare, pubblicizzare i contenuti del Protocollo in una assunzione collettiva di responsabilità?

In queste settimane nei singoli Distretti socio – sanitari si sta lavorando, unitariamente, per definire i Piani di intervento “secondo riparto” del Programma nazionale anziani non auto sufficienti ed infanzia.

Anche questo passaggio importante sta facendo emergere, se ce ne fosse stato bisogno, difficoltà anche rilevanti, che devono farci riflettere.

Una cosa è certa non possiamo perdere questa occasione di spendere tutti e bene le risorse non indifferenti che ci sono state assegnate per i PAC.

 Siamo certi che non mancherà la necessaria Vostra disponibilità e sensibilità, nel raccogliere questa sollecitazione.

Agrigento, 29 aprile 2015

 

Piero Mangione Segretario SPI – CGIL                            Massimo Raso Segretario CGIL

 Salvatore Montalbano  Segretario FNP – CISL                 Maurizio Saia  Segretario CISL

 Giovanni Miceli    Segretario UIL -Pensionati                           Aldo Broccio   Segretario UIL